Vai al contenuto

Fecondazione: Siru, riparte fuga coppie italiane all’estero, +30% rispetto a 2019

Fecondazione: Siru, riparte fuga coppie italiane all’estero, +30% rispetto a 2019

Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – E’ di nuovo emergenza turismo procreativo. Dopo la ‘pausa forzata’ legata alla pandemia, le coppie italiane con problemi di fertilità hanno ripreso a viaggiare all’estero con la speranza di realizzare il sogno di diventare genitori. E questa volta i numeri della fuga sono addirittura superiori rispetto a quelli registrati nel 2019, in aumento del 30% rispetto al periodo pre-Covid: sono oltre 13mila le coppie che cercano aiuto fuori dai confini nazionali, nonostante in Italia ci siano specialisti e centri di indubbia eccellenza. Spagna, Grecia, Repubblica Ceca, Danimarca e Belgio sono le mete più gettonate, specialmente tra le coppie che puntano alla fecondazione eterologa che prevede l’utilizzo di gameti, ovuli o spermatozoi, prelevati da un donatore esterno alla coppia. E’ la fotografia scattata dagli specialisti della Società italiana di riproduzione umana (Siru), in occasione del 6° Congresso nazionale, al via a Roma da oggi al 14 aprile.

“Nonostante la Corte Costituzionale, a partire dal 2014 abbia ufficialmente allargato l’accesso alla Procreazione medicalmente assistita (Pma) in Italia, autorizzando anche la fecondazione eterologa, sono ancora molte le coppie che continuano ad andare all’estero”, afferma in una nota Antonino Guglielmino, presidente area ginecologica della Siru. “I motivi di questo fenomeno sono diversi: in Italia la procreazione assistita è, di fatto, indietro; la donazione non è incentivata e la legge 40 del 2004 che la regola prevede ancora molti limiti, nonostante le modifiche negli anni”, aggiunge.

Eppure – evidenzia la Siru in una nota – in Italia si praticano circa 90mila cicli l’anno, cifre in linea con gli altri Paesi europei, e i centri italiani di procreazione medicalmente assistita sono altamente controllati e, al pari dei centri trapianti, devono rispondere a standard di sicurezza elevati. “In più, vantiamo grandi professionisti apprezzati in tutto il mondo”, sottolinea Guglielmino. “Abbiamo troppi problemi irrisolti: pensiamo alla situazione di stallo sui Lea, Linee guida e Legge 40, che fanno sì che nella procreazione medicalmente assistita il nostro Paese rimanga costantemente indietro”, rimarca.

La Siru – ricorda la nota – ha proposto al ministero della Salute Linee guida sulla Pma, riguardanti la prevenzione e l’informazione della coppia. Da tempo gli operatori della Pma attendono una risposta da parte del ministero sulle Linee guida. Se queste trovassero applicazione nei Lea, si potrebbe iniziare a lavorare sui cosiddetti Pdta (Percorsi diagnostico terapeutici assistenziali) che hanno lo scopo di uniformare l’approccio clinico a determinate categorie di pazienti e di raccordare tutte le fasi di diagnosi-cura-assistenza-riabilitazione.

La Siru – si legge – ha anche proposto diverse modifiche alle Legge 40 che disciplina i trattamenti di Pma in Italia, per quanto riguarda il problema degli embrioni non utilizzati che in Italia non si possono smaltire né donare alla scienza come avviene in altri Paesi, cosa che invece sarebbe utile per studiare, per esempio, le malattie genetiche.

Infine, continua a essere determinante anche il problema della mancata applicazione dei Lea, ovvero delle prestazioni minime garantite dal nostro Servizio sanitario nazionale. “Il paradosso è che, nonostante l’inserimento della Pma nei Lea, il ministero della Salute non ha ancora pubblicato le tariffe ufficiali per queste prestazioni, una mancanza che crea una situazione di incertezza e difficoltà per le Regioni italiane che non riescono a garantire l’accesso uniforme ai trattamenti a tutti i cittadini”, dice Guglielmino. “Chiediamo dunque al Governo di intervenire e riparare così una volta per tutte a questa ingiustizia: sono oltre 100mila le coppie italiane in attesa e il tempo non è dalla loro parte”, conclude.