Vai al contenuto

Intervento cataratta: tutto quello che devi sapere

Intervento cataratta: tutto quello che devi sapere

L’intervento cataratta è una procedura chirurgica fondamentale per migliorare la qualità della vista e ripristinare la visione compromessa dalla presenza di questo disturbi. Esploreremo in dettaglio cosa comporta questo intervento, quando è necessario, come si svolge e cosa aspettarsi durante il periodo di recupero.

Che cos’è la cataratta?

La cataratta è una condizione oculare caratterizzata dalla opacizzazione del cristallino, la lente naturale dell’occhio, che normalmente è trasparente. Questo processo può causare una graduale perdita di chiarezza nella visione e può influire sulla capacità di percepire i dettagli. La cataratta si sviluppa principalmente a causa dell’invecchiamento, ma può anche essere influenzata da fattori come lesioni oculari, malattie oculari, o l’uso prolungato di alcuni farmaci.

Sintomi e diagnosi

I sintomi della cataratta includono visione offuscata, sensibilità alla luce e difficoltà a vedere in condizioni di scarsa illuminazione. La diagnosi precoce è cruciale e avviene attraverso esami oculari approfonditi condotti da professionisti della salute visiva. Il cristallino opacizzato impedisce al passaggio della luce attraverso l’occhio, causando visione appannata e fuori fuoco. Altri sintomi comuni della cataratta includono sensibilità alla luce, visione notturna compromessa e percezione dei colori alterata.

intervento cataratta
La cataratta è una condizione oculare caratterizzata dalla opacizzazione del cristallino

Quando si ricorre all’intervento?

L’intervento cataratta diventa spesso necessario quando la cataratta interferisce significativamente con le attività quotidiane e riduce la qualità della vita del paziente, compromettendo in modo significativo le azioni della vita quotidiana. Questa procedura chirurgica prevede la rimozione del cristallino opacizzato e la sostituzione con una lente artificiale, consentendo al paziente di recuperare la chiarezza visiva. Un esame approfondito con il medico oculista determinerà la necessità dell’intervento.

Come si svolge l’operazione per rimuovere la cataratta?

L’intervento cataratta è una procedura chirurgica mirata a rimuovere il cristallino opacizzato e a ripristinare la chiarezza visiva. Questa operazione è comunemente eseguita con tecniche avanzate come la facoemulsificazione, un metodo che utilizza ultrasuoni per frammentare il cristallino opacizzato, consentendone la rimozione più agevole, è generalmente sicura e presenta bassi rischi. Di seguito, una panoramica dei passaggi chiave dell’operazione:

  1. Anestesia: prima dell’intervento, il paziente viene sottoposto a un’anestesia locale, spesso mediante l’uso di colliri anestetici, per intorpidire la zona intorno all’occhio. In alcuni casi, può essere somministrata anche un’anestesia generale, a discrezione del chirurgo e del paziente.
  2. Realizzazione di un piccolo taglio: attraverso un piccolo taglio nella parte anteriore dell’occhio, noto come incisione corneale, il chirurgo ottiene l’accesso al cristallino.
  3. Facoemulsificazione: è una tecnica che utilizza ultrasuoni per frammentare il cristallino opacizzato in piccole porzioni che possono essere aspirate facilmente. Questo passaggio è fondamentale per la rimozione sicura del cristallino senza danneggiare i tessuti circostanti.
  4. Rimozione del cristallino: dopo la frammentazione, il chirurgo aspira il materiale del cristallino opacizzato attraverso l’incisione corneale. In alcuni casi, la capsula del cristallino può essere lasciata intatta o rimossa, a seconda della tecnica chirurgica utilizzata.
  5. Inserimento della lente intraoculare: una volta rimosso il cristallino opacizzato, viene inserita una lente intraoculare permanente per ripristinare la messa a fuoco dell’occhio. La scelta del tipo di lente può dipendere dalle esigenze individuali del paziente, come la correzione della vista da vicino o da lontano.
  6. Chiusura dell’incisione: L’incisione corneale viene quindi chiusa con suturazione o, in molti casi, senza la necessità di punti di sutura, grazie alla piccola dimensione dell’incisione.

L’intero processo di intervento cataratta è solitamente rapido e può essere completato in pochi minuti. Dopo l’operazione, il paziente viene monitorato per un breve periodo prima di essere dimesso con istruzioni sul periodo post-operatorio, che include il riposo e l’uso di colliri antibiotici o anti-infiammatori.

L’intervento cataratta può essere eseguito anche utilizzando il laser, in una procedura nota come chirurgia laser della cataratta o femtolasik cataratta. Questa tecnica ha introdotto innovazioni nella fase di preparazione e nel trattamento chirurgico della cataratta, offrendo vantaggi in termini di precisione e personalizzazione.

intervento cataratta
L’intervento catarratta prevede la rimozione del cristallino opacizzato e la sostituzione con una lente artificiale

Ecco come avviene l’intervento cataratta con il laser:

  1. Creazione di incisioni precise: il laser viene utilizzato per creare incisioni precise nella cornea e nella capsula del cristallino. Questo contribuisce a ridurre il bisogno di strumenti manuali per eseguire le incisioni.
  2. Frammentazione del cristallino: il laser può essere utilizzato per frammentare il cristallino opacizzato, facilitando la sua rimozione attraverso un processo noto come laser-assisted cataract surgery (LACS). Questo passaggio può rendere più efficiente la fase di aspirazione del materiale del cristallino.
  3. Aumento della precisione nell’apertura della capsula: il laser può essere impiegato per creare un’apertura precisa nella capsula del cristallino, migliorando il posizionamento della lente intraoculare e contribuendo alla stabilità della vista post-operatoria.
  4. Correzione astigmatica: la chirurgia laser della cataratta consente anche di correggere l’astigmatismo durante lo stesso intervento, ottimizzando la correzione visiva complessiva.
  5. Minimizzazione dell’uso di strumenti manuali: l’utilizzo del laser riduce la dipendenza dagli strumenti chirurgici manuali, contribuendo a una procedura più automatizzata.

La scelta tra la chirurgia laser della cataratta e le tecniche tradizionali dipende da vari fattori, tra cui la disponibilità di attrezzature laser, la preferenza del chirurgo e le specifiche esigenze del paziente. Entrambe le opzioni sono considerate sicure ed efficaci, e il chirurgo può consigliare la procedura più adatta in base alla situazione individuale.

Quanti giorni di riposo dopo l’intervento di cataratta?

Il periodo di recupero dopo un intervento cataratta varia da persona a persona. Tuttavia, è comune prevedere alcuni giorni di riposo per permettere al paziente di guarire e adattarsi alla nuova lente intraoculare.

Intervento cataratta: cosa non si può fare dopo?

Dopo l’intervento cataratta, ci sono alcune precauzioni da prendere per garantire una guarigione ottimale. Evitare sforzi fisici intensi e proteggere gli occhi dalla luce intensa sono pratiche comuni durante il periodo post-operatorio.

intervento cataratta
L’intervento può essere eseguito con diverse modalità a seconda delle preferenze del paziente e delle indicazioni dello specialista

L’intervento è risolutivo?

Molte persone si chiedono se l’intervento cataratta sia risolutivo. In gran parte dei casi, l’intervento restituisce una visione chiara e nitida, migliorando significativamente la qualità della vita del paziente. Tuttavia, è importante gestire le aspettative e comprendere che possono verificarsi casi individuali di complicazioni. In alcuni casi, può verificarsi una condizione chiamata “opacificazione della capsula posteriore” o “cataratta secondaria”. Questo fenomeno avviene quando la parte posteriore della capsula del cristallino, che è stata lasciata intatta durante l’intervento, diventa opaca nel tempo. Questa opacità può causare sintomi simili a quelli della cataratta, come visione offuscata o annebbiata.

Fortunatamente, la correzione della cataratta secondaria è relativamente semplice e può essere affrontata mediante un procedimento noto come capsulotomia con laser YAG. Questa procedura utilizza il laser per creare un’apertura nella capsula opacizzata, ripristinando la chiarezza visiva senza la necessità di un nuovo intervento chirurgico.

intervento cataratta

Intervento cataratta: a chi rivolgersi

Per sottoporsi all’intervento cataratta, è fondamentale consultare un medico oculista esperto. Questo professionista valuterà la situazione specifica del paziente e fornirà indicazioni personalizzate sulla necessità e sulle opzioni disponibili per l’intervento.

Lintervento cataratta è un passo significativo per migliorare la visione compromessa da questa condizione oculare. Con la tecnologia medica moderna, questa procedura è diventata comune e sicura, offrendo ai pazienti un miglioramento tangibile nella loro qualità della vista.

Argomenti