Vai al contenuto

Ordini medici, ‘basta aggressioni, c’è forte disagio che porta a fuga dei colleghi’

Ordini medici, ‘basta aggressioni, c’è forte disagio che porta a fuga dei colleghi’

Roma, 7 apr. (Adnkronos Salute) – L’ultimo caso è quello di un dottoressa della provincia di Vicenza che ha ricevuto un proiettile nella posta. “Siamo profondamente amareggiati dalle minacce pesanti e reiterate ricevute dalla collega, che, dopo essere stata più volte aggredita verbalmente dai pazienti e aver ritrovato un bossolo nella cassetta della posta, medita di abbandonare la professione”. Così il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli, commenta quanto accaduto ad una giovane dottoressa, che frequenta ancora il Corso specifico di Formazione per la Medicina Generale ma ha già 1200 pazienti, grazie a una Legge voluta dal Veneto per sopperire alla carenza di medici di famiglia. “Siamo vicini alla collega, che ha dovuto scontrarsi con questa realtà proprio all’inizio della carriera professionale, e a tutto l’Ordine di Vicenza”, aggiunge Anelli.

“Sono sempre più i medici – evidenzia Anelli – che dicono basta, che abbandonano una professione che ogni giorno si fa più difficile, per le condizioni insostenibili di lavoro. In ospedale, negli ambulatori di guardia medica e, ora, anche dei medici di famiglia. Medici aggrediti, minacciati, sottoposti a violenza fisica e psicologica. Medici ospedalieri costretti a turni infiniti, medici di famiglia che rispondono sino a tarda sera alle richieste dei pazienti e, quando devono assentarsi anche solo per un giorno, non trovano un sostituto. Medici denunciati, nella maggior parte dei casi ingiustamente, che passano anni sotto la pressione di un processo, prima di essere assolti. Un disagio tanto profondo da portare alla mobilitazione per rivendicare il rispetto della dignità dell’esercizio professionale, così come è accaduto a Bari, dove sono scesi in piazza oltre mille medici”.

“Per questo – continua – abbiamo apprezzato la sensibilità dimostrata dal ministro della Salute Orazio Schillaci, prima con il Dl Bollette e poi con le dichiarazioni rilasciate ieri alla stampa. In particolare, condividiamo il provvedimento contro la violenza, così come l’intenzione di depenalizzare la responsabilità medica. Dobbiamo fermare – ammonisce – la fuga dei medici e dei professionisti sanitari dal Servizio Sanitario Nazionale. Le aggressioni, la carenza di personale e soprattutto i carichi di lavoro aumentano il rischio clinico. Ogni giorno, i medici sono oggetto di una campagna mediatica sui danni presunti in sanità, minando la serenità dei professionisti già aggravata da un ricorso massivo, spesso improprio, alle prestazioni sanitarie. Né si può pensare di arginare questo fenomeno limitando il numero e la tipologia di esami che i medici possono prescrivere: un nuovo “Decreto appropriatezza” sarebbe, come l’altro, bocciato dalla Corte costituzionale”.

“Un numero sempre maggiore di medici vuole lasciare il Servizio sanitario nazionale anche per scarsa attrattività di un sistema che non li tutela – continua Anelli – né li remunera in maniera adeguata. Servono risorse e provvedimenti legislativi per fermare questo esodo. Serve uno scudo penale che ridia serenità ai medici, che consenta ai cittadini di ottenere, in tempi ancora più rapidi, il giusto riconoscimento dell’eventuale danno subito senza che il medico sia trascinato in un tribunale per la sua condotta professionale. Un provvedimento che riproponga quanto già sperimentato durante il Covid e che consenta di porre un argine alla grande fuga dei medici dal Ssn”.