Vai al contenuto

Acquaticità e nuoto per neonati: quando iniziare?

Acquaticità e nuoto per neonati: quando iniziare?

Il nuoto per neonati è un’attività che sta diventando sempre più popolare tra i genitori attenti allo sviluppo e al benessere dei propri bambini. I benefici del nuoto sono noti e numerosi e possono avere un impatto positivo anche sulla crescita fisica e cognitiva dei più piccini. Tuttavia, è importante sapere quando è il momento giusto per iniziare questa attività e quali precauzioni prendere.

Importanza del nuoto per i neonati

L’acquaticità neonatale, comunemente conosciuta come baby nuoto, è diventata sempre più popolare tra le mamme e i papà che desiderano offrire ai loro piccoli una preziosa esperienza in acqua. Ma quali sono i benefici del nuoto per neonati? Prima di tutto, il contatto con l’acqua può promuovere un legame affettivo tra il genitore e il neonato, creando un momento di intimità e di gioia condivisa. Durante le sessioni in acqua, il genitore è coinvolto attivamente nella guida del bambino, fornendo sicurezza e sostegno emotivo.

Questo momento speciale con il neonato crea un’opportunità unica per rafforzare il legame familiare e per creare ricordi indimenticabili. Attraverso il baby nuoto, i neonati sviluppano competenze acquatiche fondamentali e migliorano le loro capacità motorie e cognitive. Allo stesso tempo, i genitori possono creare un legame affettivo più stretto con il loro bambino e godere di un ambiente sociale positivo.

Il nuoto per neonati apporta benefici al legame familiare, creando un’occasione di condivisione tra bebè e genitori

Nuoto per neonati: quando iniziare?

La domanda che molti genitori si pongono è: quando è il momento giusto per iniziare il nuoto per neonati? La risposta dipende da diversi fattori. In generale, si consiglia di aspettare almeno fino a quando il bambino ha compiuto tre o quattro mesi. A questa età, il sistema immunitario del neonato è più sviluppato e può affrontare meglio l’esposizione all’acqua. Tuttavia, è fondamentale consultare il pediatra prima di iniziare qualsiasi attività acquatica, in modo da verificare che il bambino sia pronto e non ci siano controindicazioni specifiche.

Nuoto neonatale benefici

I benefici del nuoto neonatale sono molteplici. I corsi di acquaticità neonatale mirano a sviluppare importanti competenze acquatiche come, ad esempio, la capacità di stare a galla, di sostenere brevi apnee, di recuperare oggetti. Il contatto con l’acqua promuove, infatti, anche una maggiore consapevolezza sensoriale, stimolando il sistema vestibolare e il senso del tatto

Questi stimoli si traducono in abilità motorie utili anche fuori dall’acqua, come rotolare, sedersi, strisciare, camminare e lo sviluppo della coordinazione occhio-mano, tutte fondamentali per un corretto accrescimento sia motorio, sia neurologico. Le prime esperienze in acqua possono favorire, dunque, il coordinamento motorio, il senso dell’equilibrio, la forza muscolare e la consapevolezza del proprio corpo. Inoltre, il nuoto per neonati può contribuire a rafforzare il sistema respiratorio e favorire la capacità polmonare.

I benefici del nuoto per neonati sono di natura fisica e motoria ma anche legati ad un buon sviluppo neurologico

Nuoto per neonati: controindicazioni

Nonostante i numerosi benefici del nuoto neonatale, ci sono alcune controindicazioni da tenere in considerazione. Ad esempio, se il bambino ha problemi respiratori o dermatologici, è fondamentale consultare il pediatra prima di iniziare le lezioni di nuoto. Inoltre, se il bambino ha una temperatura corporea elevata o ha una malattia in corso, è preferibile evitare l’attività fino a quando non si è completamente ripreso. È fondamentale scegliere un corso di baby nuoto affidabile e condotto da istruttori esperti, che abbiano esperienza nel lavorare con neonati. Inoltre, i genitori dovrebbero assicurarsi che l’ambiente della piscina sia pulito e sicuro per il bambino.

Come cercare il corso giusto di nuoto per neonati

La scelta del corso di nuoto per neonati è un passo importante. È fondamentale trovare un corso che si adatti alle esigenze del bambino e che sia condotto da istruttori competenti. Una buona opzione è cercare centri specializzati in nuoto per neonati, che offrano corsi adatti alle diverse età e livelli di abilità. È possibile chiedere consigli ad amici, parenti o al pediatra, o fare ricerche online per trovare recensioni e testimonianze su corsi specifici. È importante anche visitare personalmente il centro e valutare le condizioni igieniche delle strutture e possibilmente chiedere di visionare le procedure attive per garantire la qualità dell’acqua.

L’acquaticità neonatale è consigliata già a partire dai primi tre mesi di vita

Acquaticità neonatale: prezzi

I prezzi dei corsi di nuoto per neonati possono variare a seconda della località e del tipo di corso scelto. In genere, i corsi individuali tendono ad essere più costosi rispetto ai corsi di gruppo. Tuttavia, è importante considerare la qualità dell’istruttore, la durata delle lezioni e le eventuali attrezzature fornite. Alcuni centri offrono anche pacchetti famiglia o sconti per abbonamenti. Le lezioni di solito hanno una durata di 40 minuti e il costo medio va dalle 20 alle 50 euro a seduta per i bambini da 0 a 2 anni, ma varia molto in base alla zona e al tipo di centro sportivo. Molti comuni offrono corsi gratuiti alle famiglie in difficoltà. Nel budget bisogna mettere in conto anche eventuali costi di assicurazione, iscrizione o tessera associativa e l’occorrente per il bambino.

Nuoto per neonati: prima di iniziare è sempre consigliato chiedere l’ok del pediatra

Come comportarsi con un neonato in piscina

Quando si porta un neonato in piscina, è fondamentale adottare alcune precauzioni per garantire la sua sicurezza e il suo comfort. Prima di tutto, assicurarsi che l’acqua sia a una temperatura adeguata, intorno ai 32-34 gradi. È importante anche utilizzare pannolini impermeabili per neonati e assicurarsi di cambiare il pannolino prima di entrare in acqua, abbinandoli ad appositi costumi contenitivi. Durante le prime sessioni, è consigliabile tenere il bambino in braccio o utilizzare dispositivi di galleggiamento adatti all’età. Gradualmente, si può incoraggiare il bambino a muoversi autonomamente in acqua, sempre sotto la supervisione attenta di un adulto.

Il nuoto per neonati può essere un’esperienza meravigliosa per genitori e figli, promuovendo un legame affettivo speciale e facilitando lo sviluppo delle abilità motorie. Prendersi cura della sicurezza del bambino in acqua è fondamentale per garantire una positiva esperienza di nuoto neonatale.

Argomenti